Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Informativa breve
Questo sito si avvale di Cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa estesa.
Chiudendo questo banner, si acconsente all’uso dei Cookies.

IPnext Blog

Notizie e riflessioni su Internet e sulle tecnologie IP.

Nuvole, nuvolette e temporali...

Ragionando di meteorologia e Cloud Computing

Quando devo organizzare il mio week-end oppure programmare un viaggio di lavoro, una delle prime cose che faccio è quella di consultare i vari servizi meteorologici per sapere il tempo che farà. Posso così decidere dove passare il fine settimana oppure preparare la valigia del viaggio di lavoro con l'abbigliamento più adatto.

E' un gesto che, credo, tutti facciamo quasi automaticamente; perchè permette di organizzarci nel modo migliore e limitare il più possibile eventuali problemi e fastidi.
A volte però la stessa attenzione e precauzione, non la utilizziamo in altre attività e scelte che facciamo nella nostra vita quotidiana.

Prendiamo ad esempio, nel settore informatico, il "Cloud Computing", oggi un termine molto usato e a volte abusato.

Le immagini che i siti web e le riviste utilizzano quando parlano di questa importante e sempre più utilizzata tecnologia, sono sempre delle morbide e bianche nuvolette che galleggiano in un cielo azzurro.
E' molto bello ed accattivante, proprio come un week-end in una giornata primaverile, ma se ad un tratto le nuvolette si allontanano e lasciano lo spazio a nubi più scure che potrebbero portare pioggia se non temporale ?

Se stiamo per scegliere un servizio “cloud”, così come nel caso di un viaggio, ci siamo informati bene prima di partire ? Siamo attrezzati in modo che il nostro viaggio non si trasformi in un cattivo ricordo ?

Bisogna farlo. Forse è meno semplice che visitare un sito meteo, ma qualche considerazione e qualche domanda può aiutare a districarsi tra le molte proposte sul mercato, a volte un pò troppo... "nebulose".

  • E' il Cloud che deve adattarsi alle mie specifiche esigenze e soddisfarle e non viceversa.

  • Quale tipo di Cloud (pubblico, privato, ibrido) è più adatto alla mia azienda e mi permette di proteggere il mio investimento anche quando dovrò espanderlo ? Il provider che scelgo può affiancarmi in questa scelta ?

  • La società a cui affido i miei servizi "in Cloud" ha un'ampia esperienza nel settore ? Mi offre una consulenza costante anche post-vendita ?

  • Il Datacenter che ospita il Cloud lo posso visitare ? E' certificato ?

  • Devo scegliere come gestire tecnicamente il Cloud. Se non voglio che sia un mio problema il fornitore deve essere in grado di darmi anche questo servizio, se invece lo faranno i miei tecnici voglio che possano interagire anche personalmente con i responsabili tecnici del fornitore senza passare da “call center”.

  • L'infrastruttura di Cloud utilizza dei sistemi con un ampio parco installato in modo da poter eventualmente migrare i miei servizi ?

  • Se dovesse nascere qualche problema di tipo legale, il provider del servizio e il datacenter sono in Italia o devo intraprendere azioni in base a ordinamenti giuridici esteri ?

  • Il Cloud è importante ed utile per la mia azienda, ma se la connettività Internet non funziona bene potrei avere dei costi e dei danni. Devo analizzare anche questo aspetto.

Il "Cloud Computing" è una scelta con cui ogni azienda nel breve o nel medio periodo dovrà confrontarsi e, per alcuni, sarà una scelta importante e strategica.
Ecco perchè questa scelta non deve seguire le "sirene" della pubblicità ma deve basarsi su solide basi fatte di attente analisi supportate dalla consulenza di professionisti del settore.

Azioni sul documento